Ancora nessun commento

The day after

Eccoci soddisfatti e pieni di nuove esperienze in questi 5 giorni di trasferta pronti per il rientro!

 

Marco e Stefania sono sdraiati nel letto, i muscoli sono indolenziti, la fatica e’ stata tanta, ma un’alba spettacolare ci sveglia la mattina dopo la maratona ridestando mille emozioni del giorno prima.

Usciamo dall’albergo pronti per godere a pieno l’ultimo giorno a New York.

Marco, con una punta di orgoglio, esce con al collo la sua medaglia e la mette anche in bella vista.

L’effetto stand-by della maratona e’ terminato. New York e’ ripartita con la sua frenesia. Le strade sono piene di taxi gialli che sfrecciano, i clacson fanno da sottofondo. In lontananza passa un’ambulanza con la sirena americana.

Assaporiamo un’ottima colazione: smothie, omelette, salmone, formaggio, pomodori, pane tostato, patate, burro, marmellata, pancakes e cappuccino!

Incontriamo nello stesso locale a gustarsi uova strapazzate e bacon Mario, Roberto e Massimo.

Cerchiamo di organizzare un raduno collettivo per un aperitivo cool in un rooftop. L’appuntamento e’ per le 18.30 al 230 fifth rooftop. Il locale più’ in voga a New York.

Oggi tutti cercano di incastrare nel miglior modo nella tabella di marcia i punti di interesse, cercando di fare il più’ possibile.

Noi ci dirigiamo verso la High line, un parco realizzato su una sopraelevata di una vecchia linea ferroviaria. Una passeggiata davvero rilassante e defalcante post maratona.

Per arrivarci entriamo in Grand Central, cerchiamo di vedere se qualche protagonista di madagascar si aggira per l’atrio…. una signora ci ferma e guarda Marco… Congratulation! indicando la medaglia!

Scesi dalla metro chiediamo indicazioni a dei poliziotti all’angolo della via, uno di loro guarda Marco e gli dice stupefatto ” You run the marathon???” marco annuisce e lui gli allunga la mano per dargli una forte stretta. Guarda Stefania e gli chiede la stessa cosa, sorpreso e eccitato gli stringe la mano. Chiede a me e Beppe, noi un po’ sommessi rispondiamo di no ma lui ci incoraggia con un saluto con il pungo alzato! Yeah!!!

La nostra giornata si svolge tra Chelsea market le vie di soho, parecchi chilometri della Broadway, Time Square e un giro ai piani alti della città, illuminata e in fermento per le elezioni di domani….